Organizzazione di laboratori scientifici casalinghi in DAD

School:
Teacher: Tina De Cristofaro
No of students participated: 25
Subject domain: Science, ICT, Technology
Contact info
Feel
Imagine
Create

Il Piano dell’offerta formativa esprime la pianificazione formativa, metodologica e didattica della Scuola, su base annua e con prospettive triennale. La sua struttura si articola in interventi tra loro coordinati e mirati ad ampliare il confronto e la collaborazione tra scuola, famiglia, Enti Locali e associazioni formative: un’ “apertura ricettiva e interattiva al territorio”. …La scuola persegue una doppia linea formativa: verticale e orizzontale. La linea verticale esprime l’esigenza di impostare una formazione che possa poi continuare lungo l’intero arco della vita; quella orizzontale indicala necessità di un’attenta collaborazione fra la scuola e gli attori extra scolastici con funzioni a vario titolo educative :la famiglia in primo luogo... Non si tratta di rapporti da stringere solo in momenti critici, ma di relazioni costanti che riconoscano i reciproci ruoli e che si supportino vicendevolmente nelle comuni finalità educative…(Indicazioni Nazionali 2012).

ingresso

Con il PTof si intende progettare una corretta integrazione fra Scuola–Famiglie e Territorio individuandone i criteri di azione che fanno riferimento: · alla volontà di consolidare e rafforzare il rispetto e la tutela dell’ambiente · alla visione del territorio come risorsa e “laboratorio” di ricerca-azione; · alla maturazione del senso di cura e di legalità nei confronti del patrimonio territoriale. · La Scuola“motore” di innovazione e di sviluppo Nell’ottica della piena collaborazione e cooperazione con le famiglie, prendendo spunto dalla circolare ministeriale n. 1972 del 15/09/2015, e facendo riferimento alla corretta interpretazione del comma 16 della legge 107/2015, si chiarisce che la previsione di tale disposizione risponde all’esigenza di dare puntuale attuazione ai princìpi costituzionali di pari dignità e non discriminazione, di cui agli articoli 3, 4, 29,37 e 51 della Costituzione Italiana, nonché a quanto previsto dal diritto europeo che proibisce la discriminazione di qualunque genere essa sia. La finalità del suddetto articolo non è, dunque, quella di promuovere pensieri o azioni ispirati ad ideologie di qualsivoglia natura, bensì quella di trasmettere la conoscenza e la consapevolezza riguardo i diritti e i doveri della persona costituzionalmente garantiti, anche per raggiungere e maturare le competenze chiave di Cittadinanza, nazionale, europea e internazionale, entro le quali rientrano la promozione dell’autodeterminazione consapevole e del rispetto della persona, così come stabilito pure dalla Strategia di Lisbona 2000.